TAKUMI ITALIA

Giugno 2014

1 GIU

"Tavola Rotonda CNC" - Da Tecnologie Meccaniche

CONTROLLI NUMERICI Cauto ottimismo Tra spinta innovativa, volontà di crescere e incoraggianti segnali di ripresa dell'economia nel nostro paese, il settore del controllo numerico sta riscontrando buoni risultati, testimoniati anche dalla voce dei diretti interessati, riuniti in una tavola rotonda per fare il punto sullo stato di salute del comparto. Un settore molto importante, strategico, ormai parte integrante di tutti i moderni centri di lavoro, al punto d'essere considerato una vera e propria macchina, dentro la macchina. Il controllo numerico, negli anni, ha assunto un ruolo sempre più centrale per i costruttori d'impianti, grazie alle molteplici possibilità offerte dal mercato e dalla continua spinta innovativa. A due anni di distanza dall'ultima tavola rotonda sul CN, abbiamo incontrato una decina di produttori che, grazie alla loro diretta esperienza sul campo, ci possono aiutare nel fare il punto della situazione e fornire al lettore un quadro di riferimento del comparto, delle problematiche, delle risorse messe in gioco, delle tendenze tecnologiche, oltre che una visione privilegiata sull'andamento del mercato. Un incontro che è stato, inoltre, l'occasione per un diretto confronto tra gli addetti ai lavori in un momento storico in cui, anche in Italia, si stanno affacciando timide prospettive di crescita e di rilancio, sia pur tra mille difficoltà più o meno comuni a tutti i produttori, con nuove opportunità che stanno emergendo, come testimoniano anche gli ultimi due rapporti trimestrali di UCIMU. Tutti conosciamo le problematiche e le difficoltà del mercato, ma sappiamo anche che qualche piccolo segnale di ripresa è emerso negli ultimi tempi. Com'è, dal vostro punto di vista, la Andrea Riccardi - Hurco Italia Hurco produce i controlli numerici per le proprie macchine utensili, pertanto la mia visione è solo verso l'utilizzatore finale. Detto questo, il trend, per quanto ci riguarda è pienamente positivo ed abbiamo raggiunto gli obiettivi che c'eravamo prefissi, sia per il 2013, che per il primo trimestre dell'anno in corso. Rimane il grosso problema, fino ad ora irrisolto, rappresentato dalla difficoltà delle aziende nell'avere accesso al credito e le leggi regionali a sostegno delle aziende, la Sabatini ed altre iniziative similari, per mia esperienza, aiutano solo in limitate percentuali. Il mercato ha voglia di investire per rinnovare un parco macchine ormai obsoleto, per affrontare le sfide che arrivano dall'estero, ma senza la collaborazione delle banche, vedo delle grosse difficoltà. La maggioranza degli ordini sino ad ora acquisiti è stata direttamente finanziata dalla clientela, sfruttando poche e limitate agevolazioni. In sintesi, chi ha la capacità di finanziarsi, acquista, altrimenti si resta in attesa di tempi migliori. Sicuramente, uno di fattori di competitività è l'innovazione del prodotto: quali sono, in questo momento, le principali tendenze tecnologiche del mercato e come risponde la vostra azienda? Andrea Riccardi - Hurco Italia Anche per noi gli aspetti fondamentali per rimanere competitivi sono la flessibilità, l'efficienza e la semplificazione d'uso. Su quest'ultimo aspetto Hurco ha costruito la propria storia aziendale. In merito all'efficienza, abbiamo lavorato molto bene, introducendo soluzioni che ci hanno consentito di raggiungere livelli un tempo impensabili. Abbiamo recentemente lanciato il nuovo software denominato Ultimotion, una innovativa tecnologia di controllo del movimento abbinata all'analisi predittiva del lavoro e della risposta della macchina alle sollecitazioni, ottenendo risultati sorprendenti in termini di riduzione della durata del ciclo, di miglioramento della qualità di finitura superficiale ed incremento della vita dell'utensile. Il segreto di Ultimotion è la struttura implementata nel controllo Hurco e la tecnologia, coperta da brevetto, che calcola la traiettoria utensile, controlla la dinamica della macchina, la ottimizza in tempo reale e genera movimenti estremamente più rapidi, fluidi, totalmente esenti da micro-urti e traiettorie compensative inutili. Parlando di settori, oltre a quello della macchina utensile, quali sono gli altri comparti verso i quali vi state muovendo e quali spunti vi danno? Andrea Riccardi - Hurco Italia Hurco è una società specializzata nella realizzazione di controlli numerici applicati esclusivamente alle proprie macchine utensili. Pertanto gli sviluppi sono legati esclusivamente all'ampliamento ed aggiornamento richiesto dalla gamma di prodotti Hurco. Il costruttore, per voi, è l'interlocutore principale ma oggi lo sta diventando, sempre più, anche l'utilizzatore finale: qual è la strategia nei suoi confronti e quali sono i settori principali verso i quali notate questa maggior richiesta di dialogo diretto? Andrea Riccardi - Hurco Italia Ovviamente la nostra strategia è da sempre mirata solo all'utilizzatore finale. E' sorprendente vedere come in Italia, da una parte il cliente richieda soluzioni avanzate, mentre poi ha una limitata capacità di investimento. Hurco, da sempre focalizzata a fornire soluzioni avanzate che coniughino tecnologia e facilità d'uso, ha risposto offrendo nuove versioni ed aggiornamenti gratuiti sempre più potenti, con cicli di lavorazione più performanti, semplici da implementare ed usare in tutti i contesti produttivi. Ci sembra che i mercati più attivi, in questo momento storico, siano l'aeronautico, la componentistica ad alto contenuto tecnico, spesso legata all'automotive ed i costruttori di propri prodotti, principalmente orientati all'esportazione. Sappiamo che il mercato è profondamente mutato e, a fronte di questa rivoluzione, sono state fatte delle scelte e delle strategie di vendita ma, dal punto di vista del service, cos'è cambiato e cosa sta ancora cambiando? Andrea Riccardi - Hurco Italia Hurco è presente in Italia con una filiale diretta, composta da 15 persone di cui 10 che si occupano esclusivamente dell'assistenza al cliente. Per noi il service è fondamentale ed è la caratteristica principale di Hurco, insieme al controllo numerico, riconosciuta in tutti i mercati del mondo. Il cliente, per noi, non deve mai rimanere fermo e pertanto abbiamo una squadra di persone, appositamente formate per operare in tutte le situazioni, al massimo livello di preparazione, sia che debbano occuparsi della meccanica o dell'elettronica o del software o del processo. L'assistenza telefonica immediata, continuativa e gratuita, cavallo di battaglia di Hurco da sempre, rimane l'elemento primario in questo programma di assistenza al cliente. L'obiettivo futuro è quello di avere un servizio di assistenza disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che abbia dei costi di fruizione, da parte del cliente finale, assolutamente accettabili. Vorrei concludere dicendo che l'aspetto umano rimarrà comunque fondamentale, anche nel futuro, perché l'uomo fa e farà la grande differenza, specialmente in questa tipologia di settore. Alla Hurco, questo aspetto non viene mai tralasciato, anzi..

Share this

© 2015 HURCO Srl - Rozzano (Milano) Italia - P.I. 12937010150

.